Uno dei principali obiettivi emersi nel Documento Programmatico del progetto Gestire è quello di garantire una gestione efficace di Rete Natura 2000. La realizzazione di questa condizione può essere raggiunta e mantenuta attraverso la realizzazione di percorsi formativi finalizzati a colmare le necessità formative dei diversi soggetti, istituzionali e non, che si occupano e agiscono nelle aree di Rete Natura 2000: Enti Gestori dei siti di Rete Natura 2000, Parchi, Comuni, Provincie, Comunità Montane, Regione, Imprenditori Agricoli, Consulenti, Volontari ecc. Questi attori sono molto variegati tra loro per ruolo, formazione di base e esperienze maturate e pertanto la formazione deve essere strutturata in modo estremamente flessibile per poter essere adattata alle esigenze più diverse, ma deve focalizzare e trasmettere i concetti fondamentali che devono diventare di cultura comune.

Nel corso della prima fase di progetto, sono state predisposte delle bozze di moduli formativi, ovvero moduli autonomi, che affrontano un argomento specifico in modo esaustivo e completo rispetto ad uno specifico obiettivo. Per ciascun modulo si è proceduto a indicare, oltre ai contenuti, i destinatari principali, l’obiettivo formativo, gli eventuali prerequisiti dei frequentanti, la durata, la modalità di erogazione dei contenuti, lo strumento di valutazione e le fonti documentali specifiche.

Il modulo formativo rappresenta un punto di partenza nel quale sono indicati gli elementi minimi necessari da sviluppare e amplificare attraverso corsi di formazione veri e propri. La struttura molto essenziale del modulo formativo permette di creare progetti formativi adattabili ai diversi contesti, destinatari, temi, esigenze puntuali ecc.

I moduli formativi così pensati, sono stati affinati, integrati e arricchiti attraverso il lavoro di 20 focus groups realizzati in 12 località del territorio regionale che hanno coinvolto 122 persone che volontaristicamente hanno partecipato portando la loro esperienza a vantaggio di tutti gli attori del territorio.

Gli ambiti di competenza dei partecipanti hanno riguardato:

  • Enti gestori di siti Rete Natura2000
  • Pubblica amministrazione
  • Mondo dell’Agricoltura
  • Professionisti agronomi/forestali
  • Altri professionisti associazioni/altri privati
  • Mondo dell’Istruzione

Per facilitare l’impostazione dei progetti formativi dedicati ai diversi destinatari (Enti gestori, Pubblica amministrazione, Mondo dell’agricoltura, Mondo della consulenza ecc.) i moduli formativi sono stati organizzati in 11 percorsi formativi “esemplificativi” già orientati a specifici destinatari:

1 percorso introduttivo caratterizzato da una formazione di carattere generale che possa fornire i primi elementi formativi  a soggetti che operano nel campo ambientale e non hanno una formazione specifica relativamente alle tematiche ecologiche, tema fondamentale per poter affrontare qualsiasi attività o progetto che coinvolga ecosistemi, biodiversità ecc., oppure, soggetti che non operano nel campo ambientale ma desiderano conoscere più approfonditamente l’argomento (insegnanti, privati cittadini, operatori turistici ecc.).

10 percorsi tematici suddivisi per destinatari prioritari:

  • 2 percorsi rivolti in via preferenziale al mondo dell’agricoltura;
  • 4 percorsi orientati in via preferenziale agli Enti Gestori e ai loro consulenti;
  • 1 percorso rivolto in via preferenziale agli Enti Territoriali senza diretta responsabilità di gestione delle aree di Rete Natura 2000;
  • 1 percorso rivolto alla comunità locale e quindi alle associazioni attive nei territori, alle figure private che operano nelle aree;
  • 1 percorso rivolto alle figure interne alla Regione Lombardia;
  • 1 percorso rivolto alle figure legate all’insegnamento medio superiore e universitario.

I Liberi Professionisti che interagiscono a vario titolo con le aree di Rete Natura 2000 sono caratterizzati da competenze molto trasversali che interessano più ambiti tematici per cui possono attingere direttamente ai percorsi formativi “esemplificativi” o assemblare percorsi “personalizzati” selezionando e adattando i diversi moduli formativi proposti.

Nella seconda fase del progetto, si procederà alla realizzazione dei percorsi formativi attraverso i fondi di progetto e i fondi complementari (FSE, PSR, ecc.). I moduli vengono comunque messi a disposizione di tutti quei soggetti che intendano promuovere, attraverso la formazione, una maggiore competenza e consapevolezza sulla salvaguardia della biodiversità da parte di tutti gli attori del territorio regionale.

top