Con Gestire, il progetto Life+ destinato ai siti Rete Natura 2000 della Regione Lombardia, nei quale rientrano l’Altopiano di Cariadeghe, la riserva naturale Sorgente Funtanì e la Valvestino, parte una campagna di comunicazione e un contest
E’ partita in questi giorni una campagna di comunicazione che vuole fare conoscere lo straordinario patrimonio naturale della Lombardia. Per la precisione l’inestimabile tesoro di biodiversità che caratterizza i Siti Rete Natura 2000, aree che ospitano habitat naturali nei quali sono racchiusi importanti esemplari di vegetazione, flora e fauna protetti a livello nazionale e comunitario. Basti pensare che la sola Regione Lombardia ne conta242 (dei quasi 3.000 Sic e Zps italiani) ovvero il 15% della superficie regionale dove vivono 74 specie di interesse comunitario (tra mammiferi, pesci, anfibi, rettili, invertebrati e piante) e 87 specie di uccelli.In Valle Sabbia sono tre i siti di interesse comunitario (Sic) presenti: l’Altopiano di Cariadeghe a Serle, la riserva naturale Sorgente Funtanì a Vobarno e la Valvestino, che si estende fino al territorio di Capovalle. Confinante anche il Corno della Marogna, nel territorio di Tignale e Tremosine, nel Parco Alto Garda Bresciano.

La campagna rientra nelle attività di GESTIRE, progetto Life+di cui è capofila la Regione Lombardia che ha come obiettivo prioritario quello di mettere a punto una strategia di lungo termine per la gestione dei siti Rete Natura 2000 presenti sul territorio regionale. Un progetto particolarmente innovativo che propone un approccio integrato per la gestione e ripristino nel lungo termine della Rete Natura 2000 regionale e per la risoluzione di una serie di problematiche che ne minacciano la conservazione come il cambiamento climatico, la frammentazione, la questione legata alle specie alloctone vegetali e animali nonché l’inquinamento atmosferico e dei corpi d’acqua.

Proprio per presentare gli aspetti innovativi di questo progetto, si terrà a Bruxelles un convegno europeo in programma il prossimo 23 giugno. Nel corso dell’iniziativa verranno presentati metodi e strumenti per la definizione di un piano finanziario per la rete natura 2000 a scala regionale, presentate le opportunità di finanziamento e illustrate le metodologie per la formulazione di un piano di monitoraggio per specie e habitat. Inoltre, attraverso l’intervento del Capo Unità Life Nature Dr. Angelo Salsi,  sarà possibile comprendere il ruolo dei progetti LIFE Integrati.

Il concept elaborato
per la campagna di comunicazione, che prevede spot radiofonici e televisivi oltre che un’attività promozionale su internet e sui social media, si muove attorno al tema del patrimonio naturale che ha la stessa importanza, per l’identità territoriale e anche per l’economia, del patrimonio artistico-culturale, ma è molto meno conosciuto e valorizzato. È quindi un’esortazione a considerare con altri occhi la ricchezza di specie animali e vegetali e di habitat. Siamo abituati a riconoscere e a riconoscerci nei monumenti storici e culturali che contraddistinguono i centri urbani, come in poche – pochissime – emergenze paesaggistiche. È ora di attribuire lo stesso valore identitario agli elementi costitutivi della biodiversità, vero tessuto del nostro abitare.

Nella parte visiva, le forme del Duomo di Milano e di altri monumenti delle città lombarde (in tre differenti versioni) riconoscibili a livello regionale, nazionale e internazionale contengono gli elementi naturali della biodiversità su base regionale. Di fatto flora, fauna e habitat ricoprono le forme del monumento storico architettonico, proponendosi come un bene (anche a livello culturale) al pari dei monumenti che arricchiscono e contraddistinguono il territorio lombardo:“Come sarebbe Milano senza il Duomo? Senza il suo patrimonio di storia, arte e cultura? E come sarebbe la Lombardia senza il suo patrimonio di biodiversità? Tuteliamo questo valore con le 242 aree di Rete Natura 2000. Vieni a scoprirle su www.naturachevale.it“.

“Esiste un problema oggettivo legato alla conoscenza della Rete Natura 2000 – dichiara l’Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Claudia Maria Terzi. Il grande pubblico infatti non conosce o conosce poco la Rete Natura 2000. La campagna messa in piedi da GESTIRE, ha quindi l’obiettivo di produrre alti livelli di attenzione e consapevolezza sia nei portatori di interesse che nei protagonisti della vita delle aree di Natura 2000 che nell’insieme dei cittadini lombardi in modo tale da far emergere tutti i valori della rete ecologica europea. Infatti, oltre a svolgere un ruolo cruciale nella protezione della biodiversità in Europa, i siti Natura 2000 forniscono una vasta gamma di altri vantaggi e servizi ecosistemici per la società e per le comunità territoriali, a partire dal loro ruolo nel ciclo dell’acqua, a quello del carbonio; nella protezione idrogeologica contro inondazioni ed erosione. Inoltre – continua l’assessore –  ospitano popolazioni di specie che sono economicamente importanti come gli impollinatori, i controllori dei parassiti, la selvaggina, i pesci, le varietà vegetali selvatiche, ecc. Infine le aree ad alto livello di naturalità  forniscono opportunità ancora non pienamente dispiegate nel campo del turismo e della ricreazione e la Lombardia ha davvero molto da offrire”.Le attività di comunicazione si arricchiscono anche di un contest“Naturachevale” partito il 16 giugno con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il territorio lombardo e in particolare le Aree Natura 2000 della Lombardia. Partecipare è semplice. Basta scaricare l’App gratuita di photosharing Instagram e creare un proprio profilo quindi scattare una foto o sceglierne una dalla propria gallery fino ad un massimo di 5 foto per partecipante.

Requisito importante è che la pubblicazione della foto deve essere accompagnata obbligatoriamente dall’hashtag #naturachevale e l’hashtag #nome del sito Natura 2000. Le foto verranno caricate automaticamente sul sito del progetto www.naturachevale.it (link diretto contest.naturachevale.it) dove sarà possibile votare, fino al 31 luglio, la preferita tramite il log-in a facebook. A vincere il contest saranno: le 3 foto scelte, con giudizio insindacabile, da una Giuria Tecnica composta dai partner di progetto e le 2 foto che raccoglieranno il maggior numero di voti online. In caso di parità, verrà selezionata la foto che è stata condivisa prima su Instagram.

Gli autori delle 3 foto scelte dalla Giuria tecnica saranno premiate con:

1° classificato: weekend per 2 persone (visita guidata, pernottamento e cena) in un’area delle Rete Natura 2000 della Lombardia;

2° e 3° classificati: cesto con prodotti tipici di un’area delle Rete Natura 2000 della Lombardia.Gli autori delle 2 foto più votate online saranno premiati con: visita guidata e pranzo con piatti tipici per 2 persone in un’area delle Rete Natura 2000 della Lombardia.

 

http://www.vallesabbianews.it/
Previous post17/06/2015 Lombardia: i siti Rete Natura 2000 un patrimonio da proteggere e valorizzare Next post16/06/2015 AMBIENTE, TERZI: I SITI ‘RETE NATURA 2000? PATRIMONIO DA VALORIZZARE